Tag

,

Il termine “autogestione” fa palesemente capire che ci si gestisce da soli. Ebbene, noi studenti del liceo scientifico Gandini e del liceo classico Verri siamo stati capaci di autogestirci sabato mattina. Abbiamo ringraziato il Preside Abele Bianchi per questa gentile concessione e speriamo di dimostrarci ancora all’altezza di ciò, se dovesse ripresentarsi la situazione. Ovviamente noi confidiamo nel fatto che le cose si sistemino presto ma, ora come ora, sembra che debba passare veramente tanta acqua (o ghiaccio, vedete un po’ voi, visto che avete a che fare con un Bradipo) sotto i ponti. Sono contenta che molte persone della nostra scuola siano state attente e interessate agli argomenti trattati dai rappresentanti Francesco Lucchini, Lorenzo Crespiatico, Alessandro Formisano o Andrea Furegato. Vedere una folla di ragazzi davanti a quello striscione con scritto “autogestione” che commentavano o intervenivano positivamente alle discussioni, che, nonostante il freddo, ricoperti con sciarpa, guanti e cappello, si rendevano partecipi, è stato bello. Anche confortante, se ci si pensa. Forse sarà ingenuo, ma mi ha ricordato le scene di manifestazioni studentesche dei film.
D’altra parte però io e la troupe del Bradipo’s Journal siamo rimasti delusi da alcune cose. Quante erano le persone disperse, letteralmente disperse, per l’enorme (in confronto al Verri) cortile del Gandini, a chiacchierare spensieratamente dei fatti loro, a fumare, ad ascoltare la musica con le cuffie, a lamentarsi, a disturbare, in fin dei conti, a far finta di sembrare coinvolti in quello che stava succedendo? Tante. Troppe, forse. Essendo Sid un animale antartico tollerante, non pretende che tutti gli individui di specie umana la pensino come lui, ma per lo meno vorrebbe che questi mostrino rispetto nei confronti di chi si è impegnato e di chi si sta impegnando per cambiare le cose, o almeno di provarci e di accorgersene. L’intervento che è stato fatto è del tutto vero: l’informazione c’è, basta cercarla. La scuola la offre, basta saperla cogliere e utilizzare. Basta saper sfruttare le opportunità che ci vengono date, e, a partire da queste, incominciare a fare qualcosa.
Per questo allora mi viene da dire che la partecipazione e l’attivismo degli studenti, e dei giovani in generale, non solo sono necessari, ma fondamentali in casi come questo. Se è vero che noi siamo le nuove generazioni con il compito (o la missione impossibile, non saprei dire quale delle due espressioni sia la migliore) di cambiare questo Paese -in particolare il suo sistema lavorativo e scolastico- dobbiamo dimostrare di esserne capaci e di sembrare pronti a tutti gli sviluppi. Se perciò vogliamo gridare a tutti che queste affermazioni non sono false, anche se fin troppe volte vengono pronunciate da chiunque, dai politici agli imprenditori, dai comuni impiegati ai pensionati, dobbiamo, a maggior ragione, darci da fare.
Allora, una volta tanto, non credo sia un enorme sforzo sopportare un po’ di nebbia o un po’ di umidità per manifestare e capire il senso di quello che stiamo cercando di fare. Tutto ciò è il nostro futuro e credo sia inutile lamentarsi se non ci si dà una mossa per migliorare la situazione corrente. Le critiche sono inevitabili, è ovvio, ma possono essere soltanto costruttive. Ed è inutile fingersi interessati se poi non ci si lascia coinvolgere. Ecco il grande problema del mondo d’oggi: si resta passivi. Okay, lo si fa per paura, non lo nego, a volte potrebbe essere vero. Lo si fa per pigrizia, ma questo è grave. E se fosse l’individualismo la causa di ciò? Può darsi. Sarà anche una frase fatta, ma pazienza: una voce sola non si sente, ma un coro di voci sì. Nessuno esige che si scenda tutti nelle piazze (anche se rimane probabilmente l’unico modo per farsi ascoltare), ma almeno che ognuno diventi più consapevole di quello che si sta portando avanti e più maturo nell’affrontare le difficoltà. E soprattutto che ognuno continui a credere nelle proprie idee e a svilupparle insieme a chi crede che la volontà personale e comune possa fare veramente tanto.

Francesca Bertuglia

Annunci